Lotterie - Comune di Fusignano

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Guida ai servizi - Tempo libero - Lotterie  

Lotterie

DESCRIZIONE

Per lotteria s'intende la manifestazione di sorte effettuata con la vendita di biglietti staccati da registri a matrice, concorrenti ad uno o più premi, secondo l'ordine di estrazione. La lotteria è consentita se:

  • la vendita dei biglietti é limitata al territorio della Provincia;
  • l'importo complessivo dei biglietti che possono emettersi non supera la somma di lire 100.000.000, pari ad € 51.645,69 (comunque sia frazionato il prezzo dei biglietti stessi);
  • i biglietti sono contrassegnati da serie e numerazione progressive.

MODALITA'  

I rappresentanti legali degli enti organizzatori delle manifestazioni ne danno comunicazione, almeno trenta giorni prima, al Prefetto competente e al Sindaco del comune in cui e' effettuata l'estrazione, mediante la modulistica predisposta dal Servizio Commercio ed Attività Produttive (modulo comunicazione lotteria.doc) .

Eventuali variazioni delle modalità di svolgimento della manifestazione sono comunicate ai predetti organi in tempo utile per consentire l'effettuazione dei controlli.
N.B. L’art. 39, comma 13 quinquies, della L. n. 326 del 24.11.2003, stabilisce che, al fine di evitare fenomeni di elusione del monopolio statale dei giuochi, i soggetti che intendono svolgere manifestazioni di sorte locale devono inviare, prima di darvi corso, e comunque prima della comunicazione (al Sindaco ed al Prefetto), prevista dal regolamento di cui al d.p.r. n. 430/2001, un’ulteriore comunicazione all’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato (AAMS), al fine del rilascio del nulla osta all’effettuazione delle stesse.

REQUISITI

E’ consentito lo svolgimento di lotterie locali solo se promossi da enti morali, associazioni e comitati senza fini di lucro, aventi scopi assistenziali, culturali, ricreativi e sportivi disciplinati dagli articoli 14 e seguenti del Codice Civile, e dalle organizzazioni non lucrative di utilità sociale di cui all'articolo 10, del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460, se dette manifestazioni sono necessarie per far fronte alle esigenze finanziarie degli enti stessi.

Il D.P.R. n. 430/2001 consente inoltre lo svolgimento, senza alcun adempimento, di lotterie, tombole e pesche o banchi di beneficenza, organizzate dai partiti o movimenti politici di cui alla legge 2 gennaio 1997, n. 2, purché svolte nell'ambito di manifestazioni locali organizzate dagli stessi.

In caso che tali iniziative si svolgano al di fuori delle manifestazioni locali sopra citate, i partiti o movimenti politici dovranno inviare apposita comunicazione, almeno trenta giorni prima, al Prefetto competente e al Sindaco del comune in cui è effettuata l'estrazione.

 DOCUMENTI DA PRESENTARE  

  •  il regolamento nel quale sono indicati la qualità e la natura dei premi,la quantità ed il prezzo dei biglietti da vendere, il luogo in cui vengono esposti i premi, il luogo ed il tempo fissati per l'estrazione e la consegna dei premi ai vincitori;
  • dichiarazione sostitutiva di certificazione relativa alle condanne penali;
  • autocertificazione antimafia.

 COSTO

Gratuito per quanto riguarda la comunicazione. E’ tuttavia previsto il rimborso spese forfetario al dipendente comunale incaricato di presenziare alle operazioni di estrazione (punto 2 di ALTRE NOTIZIE). 

 ALTRE NOTIZIE  

  1. L’estrazione della lotteria locale è pubblica; le modalità della stessa sono portate a conoscenza del pubblico presso tutti i comuni interessati alla manifestazione, inviando copia della comunicazione presentata al Comune di Fusignano e dell’allegato regolamento. (modulo comunicazione lotteria altri comuni.doc – regolamento lotteria.doc).
  2. Per espressa indicazione dell’art 14 del D.P.R. 26 ottobre 2001 n. 430, è prevista la presenza di un incaricato del Sindaco, in occasione delle operazioni di estrazione delle manifestazioni di sorte locali, al quale tra l’altro occorre consegnare immediatamente una copia del verbale di estrazione. I promotori delle manifestazioni in oggetto sono tenuti a corrispondere all’Amministrazione comunale, a titolo di rimborso spese per l’attività di tale incaricato dipendente comunale al di fuori dell’orario di lavoro, una somma a forfait orario quantificata con apposito regolamento.

NORMATIVA DI RIFERIMENTO  

Art. 19 della Legge n. 241 del 7 agosto 1990
D.P.R. n. 430 del 26 ottobre 2001
L. n. 326 del 24 novembre 2003

 

Aggiornato il 09/12/2011

 
Dover rivolgersi - Modulistica:
 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse