Cenni storici - Comune di Fusignano

Vai ai contenuti principali
 
 
Sei in: Home - Città e territorio - La città - Cenni storici  

Cenni storici

fus_albero_liberta2

Dopo la terribile alluvione del 1250 che sconvolse l'assetto territoriale tra Senio e Santerno, il Conte Bernardino di Cunio, per riedificare il suo castello di Donigallia, scelse per luogo il Fundus Fuscinianus , il cui suffisso latino testimoniava l'antichità di una terra che, per la sua favorevole posizione, aveva insularmente resistito ad ogni inondazione.
Il nuovo insediamento ereditò la doppia tradizione del Castello di Donigallia e della Pieve di San Giovanni Battista in Liba traslocata entro le mura. La nuova sistemazione fu definitiva nei siti e nelle forme; da quel tempo in poi coincisero i confini ecclesiastici e politici di Fusignano.
Complice nell'assassinio dell'arcivescovo di Ravenna, il conte Ugolino di Cunio portò la maledizione sul suo casato e sul Castrum Fusiniani, che venne alienato ai Polentani (1359), perdette il suo ruolo di centro amministrativo e militare ed immiserì : la sua mutevole sorte dipese dagli scontri, che lo coinvolgevano più di quanto lo interessassero, nella dantesca Romagna che mai ebbe pace nel cuore dei suoi tiranni.
Il Castello di Fusignano tornò ai Cunio, venne in balia dei Visconti, passò ai Manfredi ed al Paganello, fu venduto al conte Sacrati (1441) che, incapace di difenderlo, lo permutò con gli Estensi (1445).
Stabiliti i confini con Lugo (1457), gli Estensi diedero al paese la coscienza della propria identità terrritoriale e comunitaria espressa nel simbolo del Fuso.
Borso d'Este infeudò il castello a Teofilo Calcagnini nel 1465. Nella Romagna estense allora Fusignano acquisì uno specifico ruolo entro l'area di uno Stato che realizzava il proprio equilibrio nella compenetrazione di territori immediatamente soggetti e territori mediamente infeudati.Sorsero conflitti tra Comunità e Feudo per i pesi "innovati" da Teofilo, primo fra tutti l'odiosa "tassa della Guardia", nella quale era stato convertito un antico obbligo dei Fusignanesi di presidiare il Castello.
Dopo un concordato tra le parti (1489), i Calcagnini, in difficoltà sul fronte esterno ed interno, concessero uno Statuto (1514): i Fusignanesi avevano aperto le porte al capitano pontificio Sassatelli ed all'orizzonte locale si profilava l'ombra minacciosa dei Corelli, la famiglia antagonista che giocava le proprie possibilità in una complicata situazione, per cui Fusignano era attraversato da diversi poteri che si sovrapponevano, poiché quello ecclesiastico aveva il proprio centro diocesano a Faenza, fuori dello stato Estense. Dopo la devoluzione del ducato di Ferrara allo Stato Pontificio (1598), i pontefici confermarono il feudo elevandolo a marchesato; allora i Corelli dovettero sfidare i Calcagnini in un impossibile scontro frontale che ebbe il suo epilogo nello strazio di Rodolfo (1622), il caporione dei congiurati giustiziato, squartato ed appeso alla porta della sua casa che fu distrutta e sementata col sale l'area su cui sorgeva.

Debellata ogni opposizione , i feudatari presero ad ingariare terra e territorio. Un secolo dopo, la scomparsa sulla scena locale di un nuovo Corelli  (nipote di Arcangelo, il sommo violinista che diede statuto alla musica strumentale) nella carica di Vicario Foraneo, fece esplodere un'annosa tensione latente tra ceto ecclesiastico e camera baronale a proposito dell'immunità: il pio e coraggioso abate Giulio denunciò al presule gli abusi della casa marchionale (1739) e seppe coinvolgere nella controversia anche la Comunità laica.La terra di Fusignano era cresciuta "nel materiale e nel formale" in breve tempo, dopo un buio periodo durante il quale, vessata ed umiliata, non aveva avuto alcuna espressione cittadina. Senza un fattuale Consiglio della comunità, senza alcuna scuola perché i feudatari avevano osteggiato ogni insediamento conventuale per il pericolo dell'estensione dell'area delle immunità ecclesiastiche.
Ma nei primi anni del secolo XVIII un maestro brisighellese rifugiatosi a Fusignano, Marcello Padovani, aveva aperto una scuola da cui erano usciti notai e preti letterati - tra i quali uno dei primi precettori del poeta Vincenzo Monti - e l'arciprete don Cricca che istituì la collegiata (1744) per il decoro della Chiesa locale, dando coscienza ecclesiastica ad un clero avvilito delle prepotenze dei Calcagnini.Tutto il paese acquistò qualità, fu selciato (1784), ebbe l'orologio pubblico (1785) ed un Teatro (1794).
Le nuove forme di espressione urbana diedero personalità a Fusignano che si riconobbe soggetto di storia, prima implicitamente con le annotazioni del Cricca, poi in modo formale con le memorie del Laurenti.All'arrivo dei francesi (1796) si trovarono predisposti ad accogliere il verbo esportato dalla Rivoluzione non soltanto i discendenti ramificati dei Corelli, ma anche personaggi provenienti da famiglie legate all'antico regime. I patrioti romagnoli che più si illustrarono nelle imprese napoleoniche hanno relazione con Fusignano: Filippo Severoli, fusignanese di nascita e faentino di patria, Pier Damiano Armandi, faentino di nascita e fusignanese di patria.Il feudo caduto non sarà restaurato col ritorno di Fusignano allo stato della Chiesa (1815); le idee rivoluzionarie tanto avevano radicato che alto sarà il contributo di volontari alle Guerre d'Indipendenza durante il Risorgimento.

FUSIGNCSUMB

Con l'Unità d'Italia, Fusignano venne stornato da Ferrara, alla cui legazione era appartenuto, ed assegnato come Comune alla Provincia di Ravenna; la nuova divisione amministrativa penalizzò il piccolo centro rurale, separandolo da ogni importante rete di comunicazione. La struttura urbanistica del paese restò invariata, ma il centro nevralgico si spostò dal Castello al Borgo (l'attuale Corso), zona residenziale delle nuove famiglie possidenti, tra le quali primeggiava senza confronto, quella dei Piancastelli che diede assetto agrario a quella estensione che i Calcagnini avevano territorialmente sistemato.
Uno degli ultimi Piancastelli, Carlo, nel sontuoso palazzo da lui costruito, raccolse in collezioni di grande valore , ora conservate a Forlì, le memorie della Romagna.La Comunità di Fusignano venne retta e guidata, senza infamia e senza lode dal ceto dei possidenti, sino alla fine del XIX secolo.
Fu un polemico intellettuale, Leone Vicchi, a introdurre il concetto e la pratica dell'opposizione nel Consiglio Comunale e da allora i partiti si sono disputati il governo della cosa pubblica locale. La propaganda e le organizzazioni " rosse" ebbero fortuna in tutta la bassa Romagna e Fusignano fu uno dei centri della settimana Rossa (1914) e da quella data l'Amministrazione s'è tinta del medesimo colore, escluso il ventennio fascista, durante il quale il paese ha dato il suo contributo di sangue alla causa della libertà, dall'assassinio del sindaco Emaldi (1923) all'eccidio del Palazzone durante la resistenza (1944).La Seconda Guerra Mondiale sostò per quattro mesi sul fiume Senio e ridusse Fusignano ad un cumulo di macerie. Scomparsi gli edifici che memorizzavano il passato, il paese è risorto a nuova e diversa vita, ha triplicato la propria are urbana.
Estinte le famiglie storiche , la proprietà della terra è passata ai coltivatori diretti, e per qualche decennio, Fusignano ha anche beneficiato di un'avventura industriale che ha lasciato in eredità un buon settore produttivo.

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse